[Opera] Bracciale Scultura | Passione | 2012

 

Passione

2012 | 85 x 85 x 23 mm | Bronzo dorato, quarzi

 

[…]

Questa passione è insieme una via luminosa e una via tenebrosa, perché questi due aspetti, luce e buio, si implicano a vicenda, non hanno di per sé alcun valore morale.

Associare la luce al bene e il buio al male non ha senso, tali aspetti appaiono qui nella loro complementarietà senza una contrapposizione intesa in modo assoluto. Come sempre la valorizzazione cambia a seconda del rapporto posto.

La scultura da indossare realizzata da Giordano Pini, mostra in forma plastica i rapporti spazio-temporali della “Passione secondo Miradario”, espressi chiaramente nei seguenti versi:

L’IGNOTO SI FA NOTO

SI RIVELA

E NEL RIVELARSI CANTA

BAGNO

DI UNA SANTITA’-SCONOSCIUTA

CHE PASSA BATTE RIPASSA

TEMPERANDO IL CERCHIO

DEL PERPETUO RITORNO

Lo stesso tema di AION che proponiamo stasera eseguito in forma registrata, si presta a trattamenti strumentali sempre nuovi, con variazioni in forma classica, jazz, o altro, in una sorta di ciclicità illimitata, potenzialmente infinita.

[…]

Si torna così di nuovo all’immagine dell’anello, del cerchio, espresso plasticamente dalla scultura indossabile di Giordano Pini, una sorta di “corteccia lavorata” per usare le parole di Miradario, immagine della “forza del tempo”, inteso come AION (continuo presente).

[…]

tratto dal testo “DeTeatralizzAzione – Passione secondo Miradario” 2012

U.T.C. Ufficio Comunicazione Totola

Stefano Gambini

 

 

 

 

© Fotografia & Design: mixinart.it