[RassegnaStampa] offline | LaNazione | Pistoia2017 Sculture da indossare dal Romanico

LaNazione – Pagina 9 Cronaca Pistoia/Montecatini

Gioielli dalle losanghe romaniche

La prima collezione “Pistoia 2017” – Lo scultore Pini si è ispirato a Sant’Andrea e San Bartolomeo

Può un losanga di Sant’Andrea, o di San Bartolomeo, diventare una spilla, un ciondolo, un anello ? Sì, se diventa il simbolo prezioso di Pistoia Capitale della Cultura 2017.

Gli artisti, gli artigiani, i maestri d’arte pistoiesi non potevano non sigillare questo prossimo anno straordinario attraverso le loro opere, e tra i primi c’è lo scultore di Piteccio Giordano Pini che da mesi sta lavorando alla realizzazione di gioielli che, oltre alla sua firma, recano l’incisione “Pistoia 2017”.

<< Ho disegnato e realizzato – ci spiega l’artista – gioielli in argento, oro, diamanti e ioliti elaborando elementi dell’architettura pistoiese. Sono partito dal romanico, dalle losanghe delle chiese di Sant’Andrea e di San Bartolomeo. Anche il taglio delle pietre ricorda elementi delle facciate e i diamanti hanno tagli antichi, con meno sfaccettature. Hanno una resa inferiore dal punto di vista della luce, ma sono più adatti a questo tipo di gioielli. La bicromia del romanico pistoiese – ci spiega ancora Pini, maestro d’arte diplomato al Petrocchi – l’ho realizzata attraverso i vuoti, inserendo lapislazzuli e rubini per giocare con il colore e far sì che la losanga, alla fine, diventi un vero e proprio gioiello>>.

Il Tema della losanga è ripetuto anche nelle fibbie d’argento per le cinture che Pini ha realizzato in questi mesi pensando a come celebrare, con un ricordo perenne, il 2017 di Pistoia Capitale della Cultura. Naturalmente ci saranno anche gioielli più “poveri”, destinati ai turisti che verranno e come Pini ha già realizzato epr il museo Marino Marini, al Tau, dove il cavallo ed i cavalieri di Marino sono diventati ciondoli in legno e in argento.

<<Sono oggetti che sono piaciuti molto – dice Pini con soddisfazione -, si gioca sugli elementi di ottone, legno, argento, sono diventati souvenir più raffinati e hanno avuto molto successo fra i turisti>>.

Il lavoro del maestro d’arte Pini è appena iniziato, le losanghe gioiello sono soltanto un punto di partenza.

<<Sto pensando – ci ha detto infine – al nome da dare alla mia collezione. Sugli orecchini a losanga ho inciso “Pistoia 2017”, e per le altre creazioni ho pensato a “Pistorium 2017” , per richiamare, la città con il suo nome più antico>.

Pini, che ha insegnato arte orafa, e ha realizzato, a Piteccio il monumento per i Caduti di guerra, ha realizzato anche foulard e cinture ispirate a Santa Maria del Fiore di Firenze. Alcune sue opere sono esposte, in modo permanente, a Palazzo Pitti, a Firenze, all’interno del Museo degli Argenti – Sala Gioiello Contemporaneo. Sue creazioni sono state esposte, nel 2012, agli Uffizi, in occasione della mostra “Arte per la ricerca Fiorgen”, una collezioni di gioielli scultura che sono stati indossati da madrine d’eccezione fra cui la storica dell’arte Cristina Acidini, la scrittrice Antonella Boralevi e la poetessa Alba Donati Franceschini.

Lucia Agati

Fatemi sapere cosa ne pensate direttamente sulla  > pagina  Facebook di Giordano Pini Sculture da Indossare < 

 

CONFERENZA | Incontro con il Liceo Artistico di Porta Romana | Firenze | 2015

20150121 | Gli studenti del Liceo Artistico Statale di Porta Romana e Sesto Fiorentino incontrano Giordano Pini Sculture da Indossare

Sito web ufficiale: www.artisticoportaromanafirenze.gov.it

Alcune immagini tratte dalla mattinata.

 

Fatemi sapere cosa ne pensate direttamente sulla  > pagina  Facebook di Giordano Pini Sculture da Indossare < 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Opera] Collezione | Lastra | 2014

 

Collezione Lastra

2014 lastra unica in argento lavorata – PEZZI UNICI

 

Gli anelli Lastra, hanno in comune il punto di partenza (la stessa dimensione di lastra), la stessa esecuzione e cambiando, per ogniuno, la parte finale… si ottengono risultati diversi.

Una sorta di origami, fatti con lastra d’argento.

Giordano Pini

 

Anello Lastra1 – 2014 | 29x42x39mm | 22,6 gr | Argento 925/1000 | mis. n° 17,5

Anello Lastra2 – 2014 | 30x40x28mm | 14,2 gr | Argento 925/1000 | mis. n° 17,0

Anello Lastra3 – 2014 | 30x42x25mm | 18,3 gr | Argento 925/1000 | mis. n° 17,0

 

 

Fatemi sapere cosa ne pensate direttamente sulla  > pagina  Facebook di Giordano Pini Sculture da Indossare < 

 

 

© Fotografia & Design: mixinart.it

 

 

 

 

 

[Collaborazione] Salvadori Arte – Grisha Bruskin

20140522 | Collaborazione | Salvadori Arte | Grisha Bruskin | Genesis Prize 

Sito web ufficiale: www.salvadoriarte.it


Il 22 maggio 2014 a Gerusalemme si è svolta la cerimonia per l’assegnazione del premio “The Genesis Prize”.

Il primo ministro israeliano – Benjamin Netanyahu – ha omaggiato l’ex sindaco di New York – Michael Bloomberg – per aver rispettato e onorato le tradizioni e i valori ebraici con una scultura in bronzo argentato di Grisha Bruskin.

L’artista, di origine russa, balzò agli onori della cronaca nel 1988 quando la sua opera “Lessico fondamentale” fu battuta da Sotheby di Mosca ad un prezzo record. Perché tutto ciò è degno di nota?

Perché, a differenza di quello che si pensa, la città di Pistoia oggi – come nel passato – continua ad essere una fucina di grandi idee elaborate da grandi artisti! L’idea della scultura è sì di Bruskin ma è stata realizzata da Salvadori Arte e rifinita dalle mani esperte dell’orafo-scultore Giordano Pini.

Dimostrazione che l’eccellenza dell’artigianato pistoiese è ancora un valore aggiunto che viene riconosciuto, apprezzato e richiesto all’estero. Pini riesce a plasmare la materia in un modo che rende uniche e immediatamente riconoscibili le sue opere; la Fonderia ha lavorato per artisti di un certo calibro come Roberto Barni, Fernando Botero, Claudio Parmiggiani, Quinto Martini, Venturino Venturi, Jorio Vivarelli e tanti altri.

Un connubio perfetto che non poteva altro che dar vita ad un capolavoro!

Chiara Innocenti

 

Grisha Bruskin

Grigory Davidovich Bruskin nato a Mosca nel 1945

WIKI: en.wikipedia.org/wiki/Grisha_Bruskin 

BIOGRAFIA:: www.marlboroughgallery.com/galleries/chelsea/artists/grisha-bruskin/biography

Fonti:

http://www.meyerovich.com/bruskin/

Fatemi sapere cosa ne pensate direttamente sulla  > pagina  Facebook di Giordano Pini Sculture da Indossare < 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[RassegnaStampa] online | lorioli.com | Medaglie di Giordano Pini Sculture da Indossare

www.lorioli.com

LORIOLI MEDAGLIE

MEDAGLISTI e INCISORI ITALIANI la più interessante raccolta di settore presente su internet

COLLEZIONE GAMEC > Giordano Pini

PINI GIORDANO –  Inserito da Vittorio Lorioli – Thursday 21 September 2006

Nato nel 1961. Ha studiato scultura a Pistoia. Ha esposto in diverse città italiane.

Come medaglista, nel 1984, era presente alla sesta Triennale Italiana della Medaglia d’Arte di Udine, con esemplari fusi. Vive e lavora a Pietre (errore di battitura, a località giusta era PIESTRO n.d.r.) , in provincia di Pistoia.

Fatemi sapere cosa ne pensate direttamente sulla  > pagina  Facebook di Giordano Pini Sculture da Indossare < 

 

[RassegnaStampa] online | Alessiacostagioielli.com | Giordano Pini Sculture da Indossare

Alessiacostagioielli.com

Da oggi 20140531 è ONLINE il nuovo sito di Alessia Costa Gioielli raggiungibile qui > www.alessiacostagioielli.com

La partnership fra Giordano Pini Sculture da Indossare si estende anche qui con una sezione dedicata :

ALESSIACOSTAGIOIELLI.COM > COLLEZIONI > GIORDANO PINI

In questa sezione potrete trovare da oggi tutte le opere create per la collaborazione GP/ACG

Fatemi sapere cosa ne pensate direttamente sulla  > pagina  Facebook di Giordano Pini Sculture da Indossare < 

[RassegnaStampa] online | Entecarifirenze.it | Gioielli d’Artista a Firenze

entecarifirenze_logo

Gioielli d’artista. La tradizione nella modernità. Dal 30 aprile al 15 ottobre 2014

 

Gioielli d’artista. La tradizione nella modernità’ è il titolo della mostra, curata da Ornella Casazza e Laura Felici, promossa e organizzata da Associazione Osservatorio dei Mestieri d’Arte e allestita allo Spazio Mostre dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze (Via Bufalini, 6) e al Museo Horne (Via de’ Benci, 6). E’ dedicata ai pittori e agli scultori che praticano anche le arti orafe e a artisti orafi toscani e stranieri che lavorano anche in Toscana. […]

Leggi questo articolo su: http://www.entecarifirenze.it/blog/gioielli-dartista-la-tradizione-nella-modernita-dal-30-aprile-al-15-ottobre-2014/
Copyright © entecarifirenze.it

[RassegnaStampa] online | GoNews.it | Gioielli d’Artista a Firenze

gonews_logo

Inaugurata la mostra ‘Gioielli d’artista’:

ottimo afflusso di pubblico anche durante la notte bianca

 

La mostra documenta, attraverso 300 opere di 32 autori, l’attività di quegli artisti impegnati nella ricerca tecnica e contemporanea che avvertono il bisogno di richiamarsi all’identità della tradizione italiana per riaffermarne con forza uno stile, nel segno dell’armonia, della misura, del gusto e della bellezza che per secoli hanno identificato la nostra realtà nazionale nel rapporto costante tra memoria e modernità.

L’esposizione è quindi dedicata a quegli artisti che rivolgono la loro attenzione al gioiello inteso talvolta come scultura da indossare o come espressione di una raffigurazione pittorica o scultorea: espressione irripetibile che esprime una continua ricerca del segreto della bellezza, della sensibilità della forma e dell’innovazione. Tra questi, si presentano Igor Mitoraj, Ivan Theimer, Roberto Barni e Cordelia von den Steinen, scultori di fama internazionale già presenti con i loro gioielli nei nostri musei. Il piccolo formato, in oro, in argento o in metallo, trattiene ugualmente tutti i problemi e gli impegni della poetica dell’artista con elaborazioni appassionate e di grande fascino che sperimentano nuovi accostamenti di colori, materiali e tecniche.

Gioielli d’eccellenza di non grandi dimensioni, ma ugualmente capaci di riflettere le continue sfide degli autori, sono affiancati alle loro opere pittoriche e scultoree per esprimere un concetto di preziosità. Alcuni artisti scambiandosi idee e abilità tecniche si sono uniti nella realizzazione di opere assolutamente originali: pittori e orafi, scultori e orafi, ceramisti ed orafi hanno dato vita a splendide spille, collane e pendenti in sinergica armonia.

Leggi questo articolo su: http://www.gonews.it/2014/05/02/inaugurata-la-mostra-gioielli-dartista-ottimo-afflusso-di-pubblico-anche-durante-la-notte-bianca/#.U2adw61_vyC
Copyright © gonews.it

[RassegnaStampa] online | FirenzePost | Gioielli d’Artista a Firenze

firenzepost_logo

Un evento celebra la tradizione e la modernità delle ARTI ORAFE

Questo è l’INTERESSANTE ARTICOLO del FirenzePost.it che sintetizza la Mostra GIOIELLI D’ARTISTA scritto dalla giornalista Cristina Degl’Innocenti

Presente anche la scultura da tavolo U.S.O. (Unidentified Static Object) di Giordano Pini Sculture da Indossare | Opera del 2008 | 350x150x300mm | Bronzo argentato, cristallo

Un estratto dell’Articolo:

FIRENZE – Una mostra dedicata alle arti orafe e alle sue infinite possibilità, questo è Gioielli d’artista. La tradizione nella modernità’a cura di Ornella Casazza e Laura Felici. Un evento promosso e organizzato dall’ Associazione Osservatorio dei Mestieri d’Arte e allestita nelloSpazio Mostre dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e nelle sale Museo Horne. La mostra,aperta fino al 15 ottobre 2014, è dedicata a quegli artisti che hanno dedicato parte della loro ricerca espressiva anche alle arti orafe, e quei maestri orafi che partendo dalla tradizione, dalla conoscenza delle tecniche, degli strumenti e delle materia hanno diretto il loro interesse e il loro lavoro verso la creazioni di oggetti utilizzando un linguaggio espressivo rivolto alla tradizione da una parte e alla contemporaneità dall’altra.

Materia, tecnica, stile costituiscono gli ingredienti essenziali per la realizzazione di un manufatto. A tutto questo si deve necessariamente aggiungere l’aspetto espressivo, estetico, artistico. Non solo gioielli da indossare, dunque, ma piccole sculture, quelle esposte in mostra. L’incontro tra orafi e artisti ha prodotto manufatti che racchiudono in sé stile, funzione, forma. Una mostra che, con i suoi ben 300 pezzi, racconta i percorsi di ricerca e le occasioni che la materia e la creatività offrono per ideare, progettare e realizzare i gioielli.
La tradizione orafa, base solida e consolidata da cui tutto parte costituisce un elemento essenziale e prioritario per un lavoro di sperimentazione. Ma non solo. E’ proprio partendo dalla tradizione che si può immaginare una rottura con la tradizione stessa, un ribaltamento delle funzioni dell’oggetto-gioiello. In questa occasione pittori, scultori, ceramisti insieme ai maestri orafi hanno dato vita a gioielli da indossare, ma capaci di esistere anche come sculture, piccole solo nelle dimensioni.

La mostra presenta inoltre una sezione di artisti orafi che si sono formati in alcune delle più importanti scuole fiorentine come il Liceo Artistico di Porta Romana (già Istituto d’Arte) e Le Arti Orafe.

La sezione della mostra al Museo Horne ospita i gioielli e le opere di artisti come Igor Mitoraj, tra quelli presenti in mostra, che creano un inevitabile confronto e dialogo con i dipinti e le sculture che formano la collezione d’arte di Herbert Horne.

Gioielli d’artista. La tradizione nella modernità
30 aprile al 15 ottobre 2014

Spazio Mostre – Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Via Bufalini 6. Tel. 055 5384001.

Ingresso libero. / Orario: da lunedì a venerdì 9-19 / Sabato e domenica 10-13 e 15-19.
Museo Horne, Via de’ Benci 6, Firenze. Tel. 055 244661. Ingresso ridotto. Orario: dal lunedì al sabato  9-13.

Gli artisti presenti in mostra:

Stefano Alinari, Ornella Aprosio, Daniela Banci, Marzia Banci, Roberto Barni, Lisa Beatrice, Leonardo Bossio Carolina Bucci, Angela Caputi, Alessandro Dari, Angela De Nozza, Do König Vassilakis, Fuchi Arata, Danilo Fusi, Marco Garezzini, Florence Lopez, Igor Mitoraj, Orlandini, Paolo Penko, Giordano Pini, Claudio Ranfagni, Paola Staccioli, Paolo Staccioli, Ivan Theimer, Tomaso Tommasi, Cordelia Von den Steinen, Negar Azhar Azari, Andrea Giunti, Ginevra Landi, Chiara Magazzini, Simone Renai, Viola Tagliavini.

– Cristina Degl’Innocenti –

[expo] Gioielli d’Artista – OMA – Firenze

2014 EXPO Giordano pini Sculture da Indossare - Gioielli d'Artista - La tradizione nella modernità - OMA - Firenze

30 Aprile – 05 Ottobre 2014 Ente Cassa di Risparmio di Firene | Spazio Mostre / Museo Horne – Firenze

Gioielli d’Artista

La tradizione nella modernità

  • Saranno presenti alcune Sculture da Indossare di Giordano Pini
  •  
  • Location:
  • Spazio Mostre – Via Bufalini, 6 – FIRENZE
  • Museo Horne – Via de’ Benci, 6 – FIRENZE

Potete trovare tutte le info dell’evento a questo URL:

www.osservatoriomestieridarte.it

 

Gli artisti presenti in mostra:
Stefano Alinari, Ornella Aprosio, Daniela Banci, Marzia Banci, Roberto Barni, Lisa Beatrice, Leonardo Bossio Carolina Bucci, Angela Caputi, Alessandro Dari, Angela De Nozza, Do König Vassilakis,  Fuchi Arata, Danilo Fusi, Marco Garezzini, Florence Lopez, Igor Mitoraj, Orlandini, Paolo Penko, Giordano Pini, Claudio Ranfagni, Paola Staccioli, Paolo Staccioli, Ivan Theimer, Tomaso Tommasi, Cordelia Von den Steinen, Negar Azhar Azari, Andrea Giunti, Ginevra Landi, Chiara Magazzini, Simone Renai, Viola Tagliavini.

Con il patrocinio di Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Firenze, e Toscana verso Expo

2014_expo_giordanopini_sculturedaindossare_gioielli_artista_oma_flyer_1200

INFO
Mostra: Gioielli d’artista: la tradizione nella modernità
a cura di: Ornella Casazza e Laura Felici
Dal 30 Aprile al 15 ottobre 2014
Spazio Mostre – Ente Cassa di Risparmio di Firenze – Ingresso gratuito
Museo Horne – via de’ Benci 6 Firenze – Ingresso ridotto  € 5
Catalogo
Gioielli d’Artista. La tradizione nella Modernità
a cura di Ornella Casazza e Laura Felici
con presentazioni a cura di A. Paolucci, C. Sisi e E. Nardinocchi
ed. Polistampa (IV volume Collana editoriale OmA-Spazio Mostre)
€ 10, 00€

[Opera] Bracciale Scultura | Passione | 2012

 

Passione

2012 | 85 x 85 x 23 mm | Bronzo dorato, quarzi

 

[…]

Questa passione è insieme una via luminosa e una via tenebrosa, perché questi due aspetti, luce e buio, si implicano a vicenda, non hanno di per sé alcun valore morale.

Associare la luce al bene e il buio al male non ha senso, tali aspetti appaiono qui nella loro complementarietà senza una contrapposizione intesa in modo assoluto. Come sempre la valorizzazione cambia a seconda del rapporto posto.

La scultura da indossare realizzata da Giordano Pini, mostra in forma plastica i rapporti spazio-temporali della “Passione secondo Miradario”, espressi chiaramente nei seguenti versi:

L’IGNOTO SI FA NOTO

SI RIVELA

E NEL RIVELARSI CANTA

BAGNO

DI UNA SANTITA’-SCONOSCIUTA

CHE PASSA BATTE RIPASSA

TEMPERANDO IL CERCHIO

DEL PERPETUO RITORNO

Lo stesso tema di AION che proponiamo stasera eseguito in forma registrata, si presta a trattamenti strumentali sempre nuovi, con variazioni in forma classica, jazz, o altro, in una sorta di ciclicità illimitata, potenzialmente infinita.

[…]

Si torna così di nuovo all’immagine dell’anello, del cerchio, espresso plasticamente dalla scultura indossabile di Giordano Pini, una sorta di “corteccia lavorata” per usare le parole di Miradario, immagine della “forza del tempo”, inteso come AION (continuo presente).

[…]

tratto dal testo “DeTeatralizzAzione – Passione secondo Miradario” 2012

U.T.C. Ufficio Comunicazione Totola

Stefano Gambini

 

 

 

 

© Fotografia & Design: mixinart.it